Un passo decisivo per la biodiversità?

"Leadership Impegno per la natura".

Abbiamo finalmente raggiunto una vera consapevolezza
sull'erosione della biodiversità globale?

Dal momento che il
Rapporto IPBES nel maggio 2019
sul Global Assessment of Biodiversity and Ecosystem Services, la biodiversità si unisce al clima sotto i riflettori. E anche lì le notizie sono brutte. Il cambiamento è brutale e molto sfavorevole sia per l’uomo che per le altre specie. L’ultimo rapporto delle Nazioni Unite sulle prospettive globali della biodiversità sottolinea che nessuno degli impegni internazionali presi nel 2010 – gli obiettivi di Aichi – è stato raggiunto.

Ma questa settimana, al vertice dei capi di Stato e di governo sulla biodiversità organizzato dalle Nazioni Unite il 30 settembre 2020, un blocco di paesi – di cui Monaco fa naturalmente parte – si è mostrato più determinato che mai a invertire questa tendenza.

Una sessantina di capi di Stato e di governo hanno firmato un “Impegno dei leader per la natura” particolarmente lucido e ambizioso, almeno sulla carta.

Anche se possiamo deplorare l’assenza di alcuni grandi paesi, questo appello potrebbe essere una pietra miliare se sarà seguito, perché pone risolutamente la biodiversità al centro degli equilibri del nostro Pianeta che sono necessari allo sviluppo umano, così come al centro delle decisioni politiche che devono essere prese sul cammino di sviluppo che vogliamo seguire.

Riconoscendo che “la natura è alla base della salute, del benessere e della prosperità umana”, i decisori firmatari si mobilitano per “mettere la natura e la biodiversità su un percorso di recupero entro il 2030” al fine di “raggiungere la visione di vivere in armonia con la natura entro il 2050”.

Un approccio olistico

In particolare, i firmatari si sono impegnati a “porre fine al tradizionale pensiero a silo e affrontare le sfide interconnesse della perdita di biodiversità, del degrado delle terre, delle acque dolci e degli oceani, della deforestazione, della desertificazione, dell’inquinamento e del cambiamento climatico in modo integrato e coerente, assicurando responsabilità e meccanismi di revisione forti ed efficaci, e dare l’esempio attraverso azioni in [leurs] i propri paesi”

A tal fine, si impegnano a “rafforzare la cooperazione tra gli accordi ambientali multilaterali, le organizzazioni internazionali e i programmi pertinenti”.

Per l’Oceano in particolare, è necessaria un’azione coordinata sulle varie minacce alla biodiversità:

Contro il sovrasfruttamento, i leader si impegnano a “eliminare gli usi insostenibili dell’oceano e delle sue risorse, compresa la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata e le pratiche insostenibili di pesca e acquacoltura”, così come a combattere il crimine ambientale.

Contro l’inquinamento, si tratta di “ridurre significativamente l’inquinamento di aria, terra, suolo, acqua dolce e oceano, compresa l’eliminazione delle perdite di plastica nell’oceano entro il 2050 così come l’inquinamento da sostanze chimiche, nutrienti in eccesso e rifiuti pericolosi, anche attraverso un maggiore coordinamento globale, cooperazione e governance sui rifiuti marini e le microplastiche”.

Per fermare il cambiamento climatico, i firmatari si impegnano ad “aumentare l’ambizione e allineare [leurs] le politiche climatiche nazionali sull’Accordo di Parigi, con maggiori contributi determinati a livello nazionale e strategie a lungo termine coerenti con gli obiettivi di temperatura dell’Accordo di Parigi e l’obiettivo di zero emissioni nette di gas serra entro la metà del secolo.

Trasformare il nostro modello di sviluppo in profondità.

L’appello afferma la necessità di una “transizione verso modelli di produzione e consumo sostenibili e sistemi alimentari sostenibili che soddisfino i bisogni delle persone rimanendo entro i limiti del pianeta”, così come una “transizione verso una crescita sostenibile, disaccoppiata dall’uso delle risorse, compreso il passaggio a un’economia circolare ed efficiente nell’uso delle risorse, incoraggiando il cambiamento dei comportamenti e scalando significativamente le soluzioni basate sulla natura e gli approcci ecosistemici sulla terra e in mare”.

La politica pubblica deve riflettere e guidare questo cambiamento sistemico. I firmatari si sono impegnati a “integrare la biodiversità nelle politiche settoriali e intersettoriali pertinenti a tutti i livelli, anche in settori chiave come la produzione alimentare, l’agricoltura, la pesca e la silvicoltura, l’energia, il turismo, le infrastrutture e le industrie estrattive, il commercio e le catene di approvvigionamento”.

A causa degli stretti legami tra le condizioni dell’ecosistema, la salute degli animali e la salute umana, i firmatari sottolineano la necessità di “integrare l’approccio ‘One Health’ in tutte le politiche e i processi decisionali pertinenti, a tutti i livelli, al fine di affrontare la salute e la sostenibilità ambientale in modo integrato”. »

Infine, i firmatari, riconoscendo implicitamente i limiti del sistema di impegni volontari senza un reale seguito o sanzioni, hanno precisato: “Non ci accontentiamo di parole, ma ci impegniamo ad azioni significative e a renderci reciprocamente responsabili per affrontare l’emergenza globale”. Segna un punto di svolta e viene con l’esplicito riconoscimento che saremo giudicati, ora e dalle generazioni future, sulla nostra volontà e capacità di raggiungere i suoi obiettivi. »

Il sistema di conservazione della biodiversità deve essere basato su “un insieme chiaro e robusto di scopi e obiettivi, supportato dalla migliore scienza, tecnologia e ricerca disponibile, nonché dalle conoscenze indigene e tradizionali” e “un robusto meccanismo di monitoraggio e revisione”.

Quindi qui abbiamo una dichiarazione chiara e una tabella di marcia completa. Resta da vedere quale sarà l’impatto finale di questo “impegno”, al di là del riconoscimento della portata del lavoro da fare.

A breve termine, dobbiamo sperare che i mesi che ancora ci separano dal 15° incontro delle parti del

Convenzione sulla diversità biologica

Speriamo che i mesi che restano da qui alla 15a riunione delle parti della Convenzione sulla Diversità Biologica, che è stata rinviata al 2021 e si terrà a Kunming, in Cina, siano decisivi. Da un lato, tradurre la buona volontà espressa in obiettivi chiari e misurabili, e dall’altro, radunare i grandi paesi che sono ancora in attesa.

Logo Convention on Biological Diversity
Logo Convention on Biological Diversity
Logo COP26 Glasgow
Logo COP26 Glasgow

A medio termine, questo passo avanti dovrà essere tradotto in azione e gli obiettivi dovranno essere raggiunti. Il decennio che inizia nel 2021 sarà il decennio di un nuovo quadro per la biodiversità globale, che spero sia ambizioso, il decennio degli impegni nazionali rafforzati per il clima (da decidere al

COP26 a Glasgow

), scienze oceaniche per lo sviluppo sostenibile e ripristino degli ecosistemi. Tutte queste dinamiche possono convergere per fare una vera differenza nella conservazione del nostro pianeta… Non roviniamo un tale allineamento di pianeti!

Nel suo messaggio al vertice dei capi di Stato e di governo sulla biodiversità organizzato dalle Nazioni Unite il 30 settembre 2020, S.A.S. il Principe Alberto II ha ricordato l’importanza della biodiversità come una questione fondamentalmente sociale.

"Di tutte le molte crisi dolorose che affrontano il nostro mondo, quella della biodiversità è probabilmente una delle meno evidenti. È comunque uno dei più acuti.

Questo fenomeno non si misura solo nella perdita di specie. Si misura anche in perdite di raccolto, siccità, inondazioni, si misura in tragedie umane".

"Non si tratta solo di preservare qualche specie, qualche ecosistema o anche qualche mare. Si tratta di preservare il nostro pianeta, il nostro futuro, le nostre vite".

Il Sovrano ha anche specificato le principali iniziative che il Principato sta già sostenendo a favore della biodiversità marina:

"Il Principato di Monaco ha aderito alla Global Ocean Alliance, che mira a proteggere almeno il 30% dell'oceano entro il 2030, sotto forma di aree marine protette, e questo non deve escludere l'Antartide, il continente che i nostri predecessori nella loro saggezza hanno dedicato alla scienza. [Monaco a] ha creato, insieme a Francia e Tunisia, il Medfund, un innovativo meccanismo finanziario destinato a promuovere lo sviluppo e la messa in rete delle aree marine protette del Mediterraneo.

S.A.S. le Prince Albert II de Monaco

Infine, la situazione preoccupante delle barriere coralline ha portato l’Iniziativa internazionale delle barriere coralline (ICRI), che Monaco co-presiede, a proporre di includere il riconoscimento della loro specificità nel contesto del Quadro globale della biodiversità, in considerazione della loro importanza e della loro situazione.

Monaco Blue Initiative, Lundi 3 Avril 2017, Musée Océanographique de Monaco
Monaco Blue Initiative, Lundi 3 Avril 2017, Musée Océanographique de Monaco

Vedi anche